Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Riflessioni sulla nuova edizione di Gianni Celati dell'Ulisse di Joyce

Quanti fatti extraletterari intervengono nell'apprezzamento di un testo letterario?
Molte, a mio parere, sono le cose che compongono un'opera: la musicalità del testo di Joyce è molto più sontuosa e interessante del testo stesso e della trama; la copertina stessa è di una sfumatura di colore particolare, e non dovremmo sottovalutare l'edizione e l'odore della carta.
Questo argomento è perfetto per parlare di Joyce perché Joyce è veramente il 'capo' dell'extraletterario per l'importanza (già sottolineata da Carmelo Bene) che lui ha dato al suono sia per esaltare il testo sia per costruire lungo tutto il libro una musica a sè che va ben oltre la trama. Per questo non mi importa spesso di scrivere in dettaglio la trama dei libri che recensisco, è importate l'artisticità e la specificità di un testo (la trama non è invece specifica della letteratura ma la troviamo in moltissime forme d'arte). In Joyce questo vale ancora di più: Joyce doveva diventa…

Ultimi post

Keith Haring e l'happening

'Questa è l'acqua', David Foster Wallace: contro il male

'Parlarne tra amici', Sally Rooney : realistico

Una summa finale su Antonio Moresco

Libri gratuiti firmati Luther Blisset

Yahoo Answers e la lettura, e l'ispirazione

L'abolizione dell'automobile?

La distribuzione e il senso della vita

L'editoria tra pari peer to peer secondo Amerigo Mancini

La letteratura elitaria del secolo 2000-2100